Riso rosso Fermentato per contrastare il colesterolo

riso rosso fermentato cosa e e come contrasta il colesterolo

Quali sono le proprietà del riso rosso fermentato? E perché è così apprezzato?

Andiamo oggi alla scoperta di un alimento dalle capacità incredibili, che sta riscuotendo sempre più successo nel nostro mondo.

Il riso rosso fermentato è infatti conosciuto e apprezzato da secoli nella medicina cinese, ma finalmente si sta riscoprendo anche da noi in occidente, proprio a causa delle sue evidenti proprietà per combattere il colesterolo nel sangue.

Inoltre, ha un aroma ed un sapore molto caratteristico, che lo rendono molto pregiato in diversi tipi di cucine.

Insomma, questo riso è un alimento dalle mille sfaccettature, e noi le analizzeremo tutte nel dettaglio.

Riso rosso fermentato: cos’è?

Il riso rosso fermentato in realtà è un comune riso da cucina, che acquista il suo colore e sapore caratteristico grazie ad uno specifico tipo di fermentazione.

L’artefice di questa magia è un particolare microrganismo, chiamato comunemente “lievito rosso”, che agendo sul riso, riesce ad alterarne in maniera consistente il sapore e l’odore, ma anche vagamente la consistenza.

Il risultato di questa proliferazione è quindi un alimento che oggi viene considerato dieteticonutraceutico e funzionale, proprio grazie alle rinomate qualità che ottiene.

Si può dire infatti che questo riso rosso fermentato abbia delle ottime capacità per contrastare il livello di colesterolo nel sangue, e questo lo ha reso estremamente popolare.

La particolarità è che, proprio grazie a questa caratteristica, è richiesto in particolar modo in forma concentrata (solitamente in polvere), per poterlo utilizzare al meglio come rimedio naturale.

Possiamo quindi dire che sia molto più diffuso per merito e per uso del suo principio attivo, piuttosto che come un vero alimento.

Lettura consigliata:  Cosa è la Vitamina B6, a cosa serve, dove si trova

Dobbiamo comunque sottolineare che gli effetti benefici di questo riso non vengono propriamente dal cereale, ma dal lievito rosso stesso: i residui metabolici lasciati da questo microrganismo somigliano infatti alle cosiddette statine, ovvero una classe di farmaci ipocolesterolemizzanti.

A cosa serve il riso rosso fermentato

Il riso rosso fermentato contrasta l’accumulo di colesterolo nel sangue. Il lievito rosso, attraverso la fermentazione, rilascia delle sostanze chiamate “monacoline”, che hanno appunto una rinomata capacità di contrastare la formazione di colesterolo.

Questo perché le monacoline (ed in particolare la monacolina K), hanno una struttura che replica in maniera sorprendente sia la struttura chimica che la funzione della “locastatina”, comunemente usata come farmaco ipocolesterolemmizzante.

Proprio queste monacoline, sono in grado di inibire la biosintesi del colesterolo, andando a bloccare gli enzimi che ne sono responsabili.

Grazie alla sua funzione, si possono quindi riscontrare enormi benefici.

Il riso rosso fermentato è infatti rinomato per essere efficace nel normalizzare i livelli di colesterolemia totale, ma anche quelli del cosiddetto colesterolo cattivo.

Inoltre, è stato riscontrato che abbia un effetto benefico anche a livello di trigliceridi, poiché è in grado di mantenerli in equilibrio.

Integratori di riso rosso fermentato

riso rosso fermentato cosa e e come contrasta il colesterolo
Riso rosso fermentato Erba Vita

Proprio questa riscoperta del riso rosso fermentato ha dato il via ad un’invasione del mercato da parte di integratori alimentari creati sulla sua base.

Si consiglia sempre di sentire il parere del medico sia per comprendere il reale bisogno sia per sapere quale sia il dosaggio corretto per il proprio caso specifico.

Prodotti consigliati per il colesterolo:

Armolipid Plus compresse

Lettura consigliata:  Zinco, proprietà e a cosa serve

Riso rosso fermentato 60 capsule