Acido ialuronico viso

acido ialuronico viso

L’acido ialuronico è una molecola che viene prodotta naturalmente dal nostro corpo. Questa sostanza ha lo scopo di idratare e proteggere la nostra pelle e i nostri tessuti.

Ammorbidisce, idrata e permette di mantenere la pelle giovane. Ma con il trascorrere del tempo, la concentrazione di acido ialuronico nella pelle diminuisce e così il suo effetto anti-age.

Su viso e collo questo provoca delle imperfezioni che spesso, in particolare le donne, cercano di evitare o aggiustare.

A cosa serve l’acido ialuronico puro

L’acido ialuronico serve a mantenere in salute la nostra pelle. Viene usato molto per la cura del viso in creme, sieri o filler oltre che medicinali, in quanto gestisce il collagene e l’elastina. 

L’acido ialuronico gioca un ruolo fondamentale nella composizione del tessuto connettivo, che si occupa di mantenere in salute la pelle, quindi di garantirgli il giusto grado di idratazione, di elasticità, di resistenza e di turgidità.

Fa sì, in altre parole, che la pelle mantenga il suo tono, trattenendo l’acqua così da garantirne sempre la giusta idratazione. 

Inoltre l’acido ialuronico ha la funzione di protezione del tessuto cutaneo da batteri e virus esterni, ha proprietà antinfiammatorie e aiuta la cicatrizzazione. Agisce anche preservando le articolazioni. 

L’utilizzo dell’acido ialuronico non da effetti collaterali, quindi è privo di controindicazioni.

Cosa fa l’acido ialuronico sul viso

L’acido ialuronico che produce il nostro organismo, si occupa appunto di mantenere la nostra pelle elastica, compatta, morbida e luminosa. Ma succede che con il passare degli anni, l’acido ialuronico tenda a diminuire, causando quindi un invecchiamento cutaneo, con la comparsa delle prime rughe e dei segni del tempo.

Lettura consigliata:  Vitamina E, benefici e alimenti in cui è contenuta

Quindi, in questi casi, l’intervento dall’esterno con acido ialuronico, che sia con creme, sieri, filler o integratori alimentari , aiuta a donare nuova vita alla pelle, aiuta a rimpolpare le rughe, a renderla di nuovo elastica, compatta e luminosa. 

Acido ialuronico in filler, quali controindicazioni?

filler (termine inglese che vuol dire “riempitivo”) viso all’acido ialuronico vengono utilizzati come trattamenti per rimpolpare le rughe del viso, attraverso un’iniezione con un piccolissimo ago, praticata dal medico poco sotto le rughe. Ringiovanisce la pelle rovinata da invecchiamento, stress, alimentazione scorretta, fumo e raggi UVA e UVB. Ovviamente il risultato è variabile e dipende sia dal tipo di pelle che dalla quantità di acido ialuronico usato. 

Purtroppo questo trattamento non è permanente, ma, visto il progressivo assorbimento dell’acido da parte dell’organismo, è necessario ripeterlo periodicamente. 

Inoltre l’acido ialuronico viene utilizzato anche per correggere dei piccoli difetti al viso come colmare delle piccole cicatrici oppure donare nuove forme alle labbra, dando ad esempio pienezza.

L’acido ialuronico raramente presenta controindicazioni, specialmente se praticato da personale esperto e specializzato. Il trattamento è sconsigliato per chi malattie della pelle, per chi ha infezioni causate dall’Herpes o altre patologie autoimmuni.

Inoltre è sconsigliato in gravidanza e in allattamento. Subito dopo il trattamento la pelle si può presentare con edemi, ematomi, ecchimosi e prurito, può risultare intorpidita. A volte può capitare che alcuni di questi sintomi, perdurino per periodi più lunghi nel tempo.

Oltre a provocare un leggero fastidio legato alle iniezioni in sé, a provocare una possibile “dipendenza” dal prodotto (la pelle continua a richiedere l’introduzione dell’acido ialuronico per evitare, appena svanisce l’effetto iniziale, di ritrovarsi con uno stato della pelle ben peggiore rispetto all’inizio), questo trattamento è molto costoso. 

Lettura consigliata:  Collagene viso: a cosa serve e quali sono le migliori creme online

Come si applica l’acido ialuronico in viso? Che differenza ce tra siero e acido ialuronico?

Visto il suo ruolo fondamentale e il suo effetto, l’acido ialuronico viene spesso utilizzato anche nella crema viso, così da poterne vedere gli effetti anche con un uso esclusivamente casalingo. Ovviamente gli effetti delle creme non sono paragonabili alle iniezioni sottocutanee, ma è un metodo più sicuro ed economico. 

La scelta della crema o del siero dipende dallo stato della pelle che si desidera trattare. Infatti su una pelle ancora giovane e che quindi non presenta particolari segni del tempo, basta utilizzare giornalmente una crema all’acido ialuronico. Invece quando la pelle è già matura e si notano i primi segni del tempo e dell’invecchiamento della pelle, è opportuno utilizzare il siero, così da vederne maggiormente gli effetti. 

La crema va passata sulla pelle perfettamente pulita, una volta al giorno. 

Il siero va utilizzato sulla pelle pulita, prima dell’applicazione della crema giorno. Questo procedimento infatti ne amplifica l’efficacia. La pelle si presenterà più idratata, tonica ed elastica. A lungo andare si nota una riduzione importante delle rughe del contorno occhi, della fonte e del labbro superiore. 

Cosa mettere prima dell’acido ialuronico?

Per ottenere maggiori risultati dall’acido ialuronico, c’è una routine che è bene seguire:

  • Detergente: pulire a fondo la pelle con una detergente
  • Tonico: utilizzare un tonico per preparare la pelle al trattamento
  • Crema, gel o siero all’acido ialuronico: ora la pelle è perfettamente pulita per ricevere l’acido ialuronico.
  • Crema giorno o contorno occhi: utilizzare una normale crema giorno (ricordarsi di usarne una che presenti un fattore di protezione solare) o crema contorno occhi. Questo passaggio è fondamentale per amplificare l’effetto dell’acido ialuronico.
Lettura consigliata:  Effetto lifting ed effetto rimpolpante: le differenze
Disclaimer

Le informazioni presenti nel sito non sono destinati a diagnosticare, trattare, curare o prevenire alcuna malattia. Tutte le informazioni qui presentate non sono intese come sostitutive o alternative alle informazioni fornite dagli operatori sanitari. Consultare il proprio medico in merito a potenziali interazioni o altre possibili complicazioni prima di utilizzare qualsiasi prodotto.